Archivi categoria: Sessualità

Vegan è sexy!

Il consumo di prodotti vegan per il benessere sessuale è in continuo aumento e gli scaffali virtuali dei negozi online si riempiono sempre più di articoli vegan-friendly, dedicati a chi vuole vivere il sesso in modo più coscienzioso, in armonia con l’intero ecosistema.

Perchè vegan non vuol dire solo essere dalla parte degli animali, ma essere dalla parte di tutto il pianeta. L’industria dello sfruttamento animale ha saturato il pianeta, oramai sono noti gli effetti negativi degli allevamenti intensivi sul nostro ecosistema: consumo di risorse idriche, deforestazione, emissioni di gas serra, inquinamento della acque e degradazione del suolo (per chi volesse approfondire ecco qui un documento del LEAD, patrocinato dall’Unione Europea, IFAD, FAO, e vari dipartimenti per lo sviluppo mondiale internazionali).

Chiarito il “perchè vegan?” passiamo al “perchè i normali preservativi in commercio non sono vegan?

Semplice, per la caseina. La caseina è una proteina del latte che viene utilizzata per la lavorazione del lattice nella produzione dei condoms.

La maggior parte dei preservativi è realizzata in lattice di gomma naturale, una resina che viene estratta da piante, quindi di per sé vegan. Per trasformare il lattice in gomma, questa resina viene “vulcanizzata”, ovvero legata chimicamente ad altri ingredienti mediante riscaldamento.

La vulcanizzazione è uno dei processi nella produzione di profilattici ed è proprio in questo processo che vengono aggiunti tutti gli elementi che caratterizzeranno l’elasticità del condom finale. Tra gli ingredienti che si andranno a legare al lattice troviamo gli “addensanti” e tra questi quello maggiormente utilizzato nella produzione di preservativi è la caseina.

Ma è proprio necessario l’utilizzo di questa proteina del latte per ottenere un profilattico sottile, elastico e resistente? Per fortuna no, esistono infatti composizioni alternative che permettono di ottenere un profilattico che rispetti tutti gli standard. I preservativi sono presidi medici e devono rispettare diversi standard di qualità, ISO, ministeriali e quelli stabiliti dalla comunità europea, per essere venduti. Questo per dire, nel caso vi fosse sorto il dubbio, che i preservativi vegani sono sicuri tanto quanto quelli non vegani.

Un’altra caratteristica dei profilattici vegan è quella della politica equo solidale che viene applicata dalle aziende produttrici, perché come avevamo accennato prima, vegan non vuol dire solo dalla parte degli animali. Diverse marche di preservativi vegani, come Glyde e Einhorn, seguono delle severe linee guida di commercio etico e sostenibile. Prossimamente dedicheremo un articolo di approfondimento sui preservativi Einhorn e sui loro magici processi di produzione: etici, trasparenti, pieni di amore e di entusiasmo!

Vegani, privi di sostanze nocive, eco-friendly. Non  solo preservativi! ma anche lubrificanti e gel intimi!

Li usiamo sulla nostra pelle ed entrano in contatto con le nostre parti intime. Sono i nostri alleati per vivere il sesso in modo più appagante e soddisfacente, ma devono anche essere amici della nostra pelle e del nostro pH. Perchè quindi non scegliere VEGAN e BIO anche il lubrificante intimo?

Ecco una selezione di lubrificanti intimi vegan:

  • il famoso “Bioglide“, prodotto in Germania. Senza aromi sintetici, coloranti o conservanti, rispetta gli standard dei prodotti naturali approvati da BDiH. Dermatologicamente e clinicamente testato e cruelty free, non testato sugli animali e senza derivati di origine animale. Lubrificante intimo a base acquosa che può essere utilizzato con i profilattici e i sex toys.
  • L’innovativo “Pjur Vegan Glide“, lubrificante intimo a base acquosa senza conservanti, parabeni, profumi e glicerina, con pH neutro, adatto per le pelli sensibili. Lubrificante intimo vegano, non testato su animali e latex compatibile, quindi adatto all’utilizzo con i preservativi. Anche questo prodotto in Germania.

Vivere il sesso in modo sano, coscienzioso, equo solidale e vegan è una buona cosa, ma è soprattutto SEXY!

 

 

Lubrificanti intimi, a cosa servono e come usarli

Lubrificanti intimi, a cosa servono e come usarli. Mini guida per scegliere il lubrificante giusto.

Lubrificanti intimi. Perché?

I lubrificanti intimi servono quando la normale lubrificazione intima non è sufficiente. Questo può verificarsi in caso di secchezza vaginale, all’inizio di un rapporto sessuale quando la naturale lubrificazione non è ancora sufficiente o in caso di rapporti anali.

A causa di fattori emotivi come ansia e stress o fattori fisiologici come cambiamenti ormonali e età, la lubrificazione vaginale può non essere sempre adeguata. Questo può creare fastidi e difficoltà durante i rapporti sessuali, togliendo gran parte del piacere.

L’utilizzo di un lubrificante intimo può rendere più appagante il rapporto sessuale, con maggior soddisfazione per entrambi i partner.

Lubrificanti intimi – Come utilizzarli

Il lubrificante può essere applicato all’ingresso della vagina o dell’ano oppure sul pene del partner, prima del rapporto sessuale.

E’ consigliato iniziare con una piccola quantità, diciamo una nocciolina, da spalmare con la punta delle dita ed eventualmente aggiungerne altro se serve.

Può essere utile le prime volte utilizzare il lubrificante da soli, per capirne l’effetto e conoscerne il potere lubrificante.

Alcune donne utilizzano i lubrificanti anche durante la masturbazione proprio per trarre maggior piacere dall’effetto di scorrevolezza.

Lubrificanti a base acquosa o siliconica. Capire le differenze e scegliere quello giusto.

Lubrificanti a base acquosa

Sono i più utilizzati e versatili.

Privi di sostanze grasse sono facili da risciacquare, non macchiano i vestiti e sono latex compatibili, quindi possono essere utilizzati con preservativi o prodotti in lattice.

Ideali quando si è fuori casa.

Perfetti anche per essere utilizzati con vibratori, dildo o sex toys di ogni genere, anche quelli a base siliconica (contrariamente ai lubrificanti siliconici, come poi vedremo).

A questo punto vi starete chiedendo: se questi vanno bene con tutto a cosa servono i lubrificanti con silicone?

Gli svantaggi dei lubrificanti a base acquosa sono pochi, ma ci sono.

Ad esempio, se avete intenzione di preparare un bagno a due con chiari intenti sessuali, sappiate che i lubrificanti a base acquosa perdono il loro effetto a contatto con l’acqua, diventando inutili.

Il fatto di essere immersi in acqua poi non agevola la penetrazione, poiché anche il normale fluido vaginale viene lavato via, creando più attrito. Questo è quindi uno di quei casi in cui preferire lubrificanti a base siliconica.

Un altro limite è quello della durata. I lubrificanti a base acquosa hanno un potere lubrificante minore, soprattutto nel tempo. Se manca la naturale lubrificazione intima potrebbe essere necessaria una seconda applicazione.

Per questo per il sesso anale spesso vengono consigliati i lubrificanti a base siliconica.

Lubrificanti a base siliconica

I lubrificanti a base di siliconi sono waterproof, resistono in vasca, sotto la doccia, nell’idromassaggio…

Sono molto più durevoli e hanno una capacità setificante che regala una sensazione di morbida scorrevolezza durante tutto il rapporto, senza asciugarsi e diventare appiccicosi. Per questo sono perfetti per il sesso anale.

Sono latex compatibili, via libera quindi all’utilizzo con i preservativi o i prodotti in lattice, se non diversamente specificato.

Gli svantaggi nei lubrificanti a base di silicone sono il dover utilizzare saponi intimi per eliminarne i residui e il rischio di macchiare gli indumenti.

Un altro problema è quello dell’utilizzo con sex toys in silicone e jelly. Nessun problema con altri giochini erotici, ma mai utilizzare prodotti in silicone con toys in silicone. Questo perché il contatto tra i due può creare una spiacevole reazione chimica: il lubrificante inizierebbe a solidificarsi nel giocattolo, e il giocattolo inizierebbe a sciogliersi nel lubrificante. Inoltre la superficie del toy diventerebbe porosa e quindi più soggetta all’attacco di agenti batterici.

Per lo stesso motivo non è consigliabile tenere i vostri dildo o vibratori di silicone a contatto l’uno con l’altro.

 

Lubrificanti a base oleosa

Oltre ai lubrificanti a base acquosa e siliconica, esistono i lubrificanti a base oleosa.

Questi lubrificanti a base di oli sono oramai surclassati da quelli ad acqua o silicone poiché non compatibili con il lattice e quindi non sicuri con l’utilizzo del preservativo.

I lubrificanti a base oleosa hanno inoltre una minore capacità lubrificante.

Se poi si sceglie di utilizzare dei veri e propri oli per lubrificare le parti intime, bisogna tener presente che il ph della pelle non è uguale a quello vaginale, molto più acido. Un olio che spalmato sul corpo ha un portentoso effetto emolliente potrebbe non giovare alle vostre parti intime.

Per questo motivo i lubrificanti a base oleosa non sono consigliati e sono assolutamente da evitare se si utilizzano profilattici.

 

Per concludere…

Come scegliere il lubrificante migliore?

Se volete un lubrificante che vi dia una sensazione di vellutata scorrevolezza, che non asciughi e sia durevole, se non vedete l’ora di utilizzare il nuovo lubrificante sotto la doccia con il vostro partner o se  preferite provare l’esperienza trasgressiva del sesso anale, il lubrificante a base siliconica è la vostra scelta.

Provate il nuovo lubrificante Durex Perfect Glide, oppure le pratiche confezioni monodose della Pjur, Woman Bodyglide lubrificante e gel da massaggio o Analyse Me specifico per il sesso anale.

Se desiderate la giusta lubrificazione iniziale, se pensate di far sesso fuori casa, o se avete intenzione di utilizzare il lubrificante con i vostri sex toys, i lubrificanti a base acquosa sono ideali per voi.

Se desiderate la delicatezza potete provare i lubrificanti Feel o Aloe della Durex, se avete voglia di naturalezza e estrema purezza, il lubrificante biologico Bioglide, in due versioni da 40ml o 150ml fa al caso vostro.

Se invece avete voglia di qualcosa di più stuzzicante e godurioso, provate i lubrificanti aromatizzati o effetto calore: il dolce sapore della Fragola del Durex Strawberry, il gusto della frutta tropicale del Durex Pina Colada con cocco e ananas o l’aroma estremo del Cappuccino che risveglia i sensi e riscalda con l’effetto calore.

 

Sesso sicuro? Dai un’occhiata ai preservativi in offerta su Preservativi.it.

Il portale che da oltre 15 anni vende preservativi online. Spedizioni express in 24/48h – pacchi anonimi – privacy e professionalità.

Le donne che utilizzano contraccettivi fanno più spesso l’amore

Lo studio di un team di ricercatori della Johns Hopkins Bloomberg School ha evidenziato che le donne sposate o in una relazione stabile che utilizzano metodi contraccettivi hanno rapporti sessuali più frequenti rispetto alle altre.

Lo studio, iniziato nel 2005, è stato condotto in 47 paesi su oltre 210.000 donne sessualmente attive in età fertile, sposate o conviventi.

A tutte le donne è stato chiesto se avessero avuto rapporti sessuali nelle quattro settimane precedenti e se avessero fatto uso di contraccettivi.

Tra le donne che hanno affermato di far uso di metodi anticoncezionali, il 90% ha dichiarato di aver avuto rapporti sessuali nelle settimane precedenti.

La percentuale è scesa al 72% tra le donne che hanno affermato di non utilizzare metodi contraccettivi.

Se le donne che fanno uso di contraccettivi fanno l’amore più spesso, è soprattutto perché riescono a separare il piacere sessuale da un potenziale rischio di gravidanza, una fonte di ansia che può portare a limitare i rapporti sessuali.

preservativi

Qual è lo scopo di questo studio?

Suzanne Bell, a capo dello studio e studente presso l’Università di Bloomberg, dichiara: “vogliamo che le donne abbiano una vita sessuale  migliore, sana e sicura separando il sesso dall’idea della gravidanza e della fertilità. La contraccezione ci permette questo.

“Sapere quanto spesso le donne fanno sesso – e quale ruolo gioca la contraccezione in questo – ci può dare una migliore comprensione di come il raggiungimento dei nostri obiettivi di pianificazione familiare di migliorare l’accesso ai metodi contraccettivi e di riuscire a soddisfarne la richiesta, potrebbe avere un impatto sulla vita delle persone al di là della diminuizione della vita fertile”.

“La contraccezione moderna offre l’opportunità di ridurre il rischio di gravidanza, senza dover ridurre la frequenza sessuale”.

Una sana vita sessuale è fondamentale per la coppia, ma spesso non viene considerata nei discorsi che riguardano la pianificazione familiare.

La Bell afferma “che la consulenza contraccettiva è spesso inadeguata nei paesi in via di sviluppo e le donne hanno bisogno di una migliore informazione circa le opzioni contraccettive per consentire loro di prendere la decisione migliore su come prevenire le gravidanze indesiderate”.

David Bishai, co-autore dello studio e professore alla Bloomberg School, aggiunge: “per troppo tempo specialisti dello sviluppo hanno detto ai politici  che investire sulla pianificazione familiare avrebbe creato prosperità per le nuove generazioni. Adesso è il momento di un messaggio che si concentri su queste nuove generazioni. Più pianificazione familiare significa più sesso per le coppie ora”.
Questo studio sarà presentato in occasione della Conferenza internazionale sulla pianificazione familiare, che si terrà in Indonesia.

 

 

Farlo protetto è più divertente 😉

Acquista preservativi online su Preservativi.it e approfitta delle offerte speciali acquistando da chi di profilattici se ne intende.

Online dal 2000, con oltre 15 anni di esperienza, Preservativi.it vende preservativi online in assoluta discrezione con pacchi anonimi e spedizioni espresse in 24h.

Su www.preservativi.it troverai qualità, professionalità, privacy e convenienza!

pSalva

Salva

Swinging. Lo scambio di coppia in una parola

La pratica dello scambismo è nata, secondo un’idea comune, dopo la rivoluzione sessuale degli anni 60, quando con l’avvento della pillola e di altri metodi anticoncezionali è stato finalmente possibile avere rapporti sessuali senza incorrere nel rischio di una gravidanza.

Negli anni 60 e 70 in america non erano rari i “Key Party”, ordinarie feste tra amici che terminavano con la “pesca” delle chiavi. I mariti mettevano le chiavi della macchina in un bussolotto e le mogli pescavano, bendate, il mazzo di chiavi che avrebbe derterminato con quale marito sarebbero tornate a casa.

Al giorno d’oggi lo scambismo può avvenire in diversi contesti, che vanno dall’incontro occasionale all’incontro regolare con coppie già “collaudate”.

I luoghi di incontro sono principalmente quelli telematici (forum, gruppi e chat dedicate), i club privé e le case private tramite il passaparola.

Cocktail Bikini by Passion

Il fenomeno degli swingers club è in continuo aumento, ad oggi solo in Italia ne esistono 450 (dati Federsex), ognuno con un proprio sistema di regole ed una propria clientela.

L a maggior parte dei club sono luoghi esclusivi e professionali che garantiscono un posto sicuro per gli incontri e prevedono delle regole ben precise da dover rispettare, a partire dal dress code fino agli approcci tra clienti.

Al di là del divertimento sessuale, lo scambismo prevede delle dinamiche che aumentano la complicità nella coppia e l’intesa sessuale.

Quando c’è questa voglia dei partner di giocare con la sessualità, con una “predisposizione” di base e il rispetto reciproco, si intensifica nella coppia l’affiatamento, la fiducia e l’armonia.

Lo scambismo non deve essere visto come un sostituto del rapporto esclusivo di coppia, ma come un’estensione di esso.

L’elemento fondamentale di questa armonia non sta nel sesso, ma nel condividere una passione comune e nel divertimento che se ne trae.